Emac For CleanEmac For Clean

Hai un buffet in giardino e non sai come apparecchiare la tavola?

 

Hai un buffet in giardino e non sai come apparecchiare la tavola?

Da dove partire per una perfetta riuscita del tuo party all’aperto? Dall’allestimento della tavola e del giardino stesso. Come? Fantasia, passione, cura del dettaglio ma anche alcuni punti fondamentali.

 

Individuare il posto giusto per il buffet all’aperto

 

Individuare il posto giusto richiede un piccolo sforzo di fantasia, dovete immaginarvi tutto: Il tavolo lo metto qua, posso aprire anche un ombrellone o montare il gazebo, il tavolo con le antipastiere posso sistemarlo vicino a quella pergola… e così via per tutto il resto!

Chiaramente devi accontentarti e gestire al meglio gli spazi che hai a disposizione, perché non sempre si può disporre di un enorme giardino verde col prato inglese, la piscina o una veranda. Un piccolo spazio pulito e curato può andare comunque bene.

Per l’ambientazione bastano gli alberi o qualche grande vaso di fiori a ridosso dei tavoli.

Scelta dei colori e dei decori

C’è qualche caratteristica particolare di questo spazio che vi piace tanto? Sfruttatela! Una pianta di arance o di limoni, foglie secche o verdi, con forme particolarissime alle quali non avete mai fatto caso o, ancora meglio, un rampicante in fiore. Ecco! Questi possono essere gli elementi utili per i vostri decori nella tavola del buffet.

Dovete solamente valorizzare quanto già avete a disposizione, coordinando tutti gli elementi. Piccoli particolari all’apparenza insignificanti possono diventare il punto di forza della vostra organizzazione!

Allestite con cura i tavoli posando in modo casuale (apparentemente) qualche mazzolino di fiori con piccoli ramoscelli di foglie verdi, ripetete il tutto qua e là per tutto il tavolo. Potete anche metterli all’interno di semplicissimi vasetti di vetro decorati con un nastro largo e un fiocco.

Se il buffet si protrae anche la sera, le lanterne possono aiutarvi a creare un’atmosfera suggestiva. Basterà accenderne qualcuna sul tavolo e qualche altra più distante, magari legata al ramo di un albero e il gioco è fatto.

Preparazione dello spazio in tavola

La preparazione della tavola dipenderà da cosa servirete. Come vi regolate per le dosi? Dipende:

Servite solo antipasti e cibi monoporzione: calcolate un numero di porzioni (per tipologia) inferiore al numero di ospiti. Inferiore di quanto? 100 ospiti necessitano di 75 porzioni per ogni tipo. Per le bevande, invece, bisogna considerare poco più di mezzo litro a testa. Tieni di riserva qualche bottiglia di vino. A differenza degli antipasti, per le bevande non si sa mai!
Antipasti e primi piatti: le dosi possono variare ma per 100 ospiti considerate circa 500 porzioni di antipastini o assaggi monodose. I primi dovranno essere non meno di 30/35 grammi a testa per ogni invitato.

Queste considerazioni sono importanti per capire sia lo spazio che occupano le antipastiere, i piatti e le alzate nei tavoli da buffet, sia disporre gli ospiti. Mettete gli ospiti a proprio agio e avrete fatto metà del lavoro: dovranno mangiare, bere, chiacchierare in piedi comodamente e avere abbastanza spazio per muoversi.

Posizione delle posate e dei piatti

All’inizio del buffet predisponete una piccola zona per le posate e pile di piatti di diverse altezze. Raggruppate nello stesso senso forchette e coltelli, sono meno usati nei buffet perché poco pratici. Distribuite i tovaglioli con cadenza precisa lungo il tavolo del buffet.

Antipasti

Divideteli per tipologia e sapore, ma per stuzzicare l’appetito potete anche distriburli a seconda del colore. Un’antipastiera monocolore ricca di stuzzichini ben decorati è sicuramente più invitante di un mix confuso di sapori e colori.

Per questo, vi consigliamo di presentare antipasti ben divisi per tipo su qualche alzata in vetro, su piatti da portata larghi, vassoi o antipastiere. Evitate di preparare i salumi con le fette a cascata dai bicchieri, non sono più attuali (e forse non lo sono mai stati).

Una buona idea? Presentare i formaggi, non sui piatti da portata, ma su taglieri di legno. Disponeteli con qualche tocchetto già tagliato lasciando una parte della forma intatta. Aiuterà gli ospiti a capire il tipo di formaggio che stanno per assaggiare.
Se i formaggi sono più d’uno disponeteli in sequenza in un tagliere lungo partendo dal più dolce per arrivare al più salato: in questo modo, avete creato un percorso del gusto originale e invitante per i vostri ospiti.
Volete stupirli? Proponete degli assaggi a base di formaggi dolci accompagnati da miele o fichi, il contrasto sarà una delizia per il palato e lascerà gli ospiti piacevolmente sorpresi.

Primi piatti

Servire i primi piatti è impegnativo. Scegliete una tipologia di pasta non troppo piccola e facile da afferrare con la forchetta. Ricordate che, molto probabilmente, i vostri ospiti staranno in piedi. Non esagerate con il condimento, poichè potrebbe macchiare le camicie e i vestiti di tutti i signori e di tutte le signore presenti. Fatevi aiutare dal personale di servizio (possono essere anche vostri amici) per servire i primi piatti velocemente in modo che restino caldi per tutti gli ospiti.

Bevande

Dedicate una zona del tavolo a bevande e bicchieri. Dividete questo tavolo in zone: una dove l’ospite inizierà a gustare un aperitivo, apparecchiate con flute o bicchieri tradizionali già pronti con un po’ di frutta tagliata all’interno.

La zona centrale del tavolo sarà dedicata alla degustazione di prosecco o champagne: accanto alle coppe o i flute, posizionate le bottiglie fresche dentro un secchiello con ghiaccio, che dovrà essere tenuto sotto controllo per mantenere la temperatura consigliata.

Poco più avanti, magari alla fine del buffet, posizionate i vini bianchi e rossi. Ricordate che per ogni tipo di vino esiste un bicchiere adeguato. Volete creare un’atmosfera sofisticata e professionale? Fate servire i vini dal personale di servizio, che può spiegarne le caratteristiche e preparare gli ospiti alla degustazione.

Non devono mancare poi i diversi tipi di acqua: mai esporre le bottiglie a vista. Accanto a qualche bottiglia di buon vino, sono decisamente più adeguate le brocche d’acqua decorate con frutta tagliata a spicchi o fette nella parte alta.

I dolci e la frutta

Arriva il momento della frutta: dividete i frutti a seconda del colore o create delle composizioni simpatiche non troppo elaborate. Le fette di ananas alternate alle fette d’anguria o melone possono essere disposte a ventaglio. La frutta di stagione disposta qua e là dentro fruttiere decorate darà una nota di colore alla tavola.

Per quanto riguarda il dessert, potete preparare delle gustose cheesecake o le classiche torte semifreddo da servire già tagliate a spicchi. Sopra la torta qualche decoro di frutta fresca colorata non dovrebbe dispiacere.

Da ricordare

Organizzare un buffet è impegnativo e comporta sempre un certo investimento ma la qualità dei cibi e delle bevande è fondamentale, preferite piatti e posate leggeri ma mai di plastica. La mise en place, il menù, l’ambientazione e i decori diranno molto di voi.

Fonte: http://www.dressmytable.net

5 consigli per rimuovere i cattivi odori in bagno

Studi dimostrano che si passi in media quasi un anno e mezzo della nostra intera vita in bagno: dalla capatina veloce, al bagno lungo e rilassante non c’è da stupirsi se finiamo col passare così
tanto tempo in questa stanza della casa. Trattandosi di un luogo così importante, è fondamentale tenerlo sempre pulito ed igienizzato, stando attenti a disinfettare le superfici con gli ingredienti giusti e pulendo tutti i giorni. Come se non bastasse, i luoghi umidi del bagno favoriscono anche il formarsi di muffe, che possono causare odori sgradevoli provenienti da scarichi e servizi igienici oltre che aumentare il rischio di allergie. Per risolvere questo fastidioso problema, non è necessario svaligiare farmacie e negozi procurandovi migliaia di prodotti specifici anti-odore: come al solito bastano pochi rimedi, green e facili da reperire. Eccoli qui:

Bicarbonato di sodio

I vostri servizi igienici emanano cattivo odore? Una piccola ciotola piena di bicarbonato potrebbe essere tutto ciò di cui avete bisogno per risolvere il problema. Una fonte di odore che spesso dimentichiamo nel nostro bagno è infatti il bidoncino dei rifiuti. Per risolvere il problema del cattivo odore, sciacquate il cestino con acqua e aceto e cospargete il fondo con 2 cucchiaini di bicarbonato di sodio. Poi coprite con il sacchetto dell’immondizia e lasciate che la soda faccia il suo lavoro: la sua azione anti-odore impedirà che il bagno si impregni degli sgradevoli odori provenienti dai rifiuti. Cambiate il bicarbonato regolarmente per far sì che l’effetto deodorante non svanisca!

Per un tocco in più aggiungete delle pietre o dei fiori decorativi negli angoli del bagno: la “missione profumo” può essere un’ottima scusa per ridecorare il bagno!

L’eterno alleato: l’aceto

Che l’aceto sia un ingrediente naturale ideale per diversi tipi di pulizia ormai s’era capito: ora sapete anche che può servire a limitare i cattivi odori. I cattivi odori in bagno, infatti, spesso provengono dai batteri che si annidano nei luoghi sporchi: l’aceto con la sua azione sterilizzante non é solo un alleato fondamentale per la pulizia del bagno, ma anche un toccasana quindi per prevenire il formarsi di odori. Mescolato con acqua, l’aceto si trasforma in un vero e proprio pulitore universale: mettete la miscela in un flacone spray ed applicatelo sulle superfici interessate, pulendo il tutto con un panno umido.

L’aceto inoltre non solo neutralizza gli odori ma aiuta anche a prevenire l’accumularsi della muffa. Riempite una tazza di aceto e versatela nello scarico della doccia e poi lasciate agire, e fate lo stesso con la tenda della doccia: spruzzatela con dell’aceto e sará subito a prova di muffa!

L’aceto va benissimo anche per creare un vero e proprio deodorante spray per ambiente: mischiate due tazze d’acqua, un cucchiaino d’aceto bianco, uno di bicarbonato di sodio e aggiungete dieci gocce del vostro olio essenziale preferito. Ecco pronto un deodorante per ambienti eco-friendly ed economico!

Limone

Non solo i limoni sono multivitaminici pieni di sostanze buone per il nostro corpo, o alleati fondamentali per pulire la cucina, ma sono anche dei neutralizzatori di odori formidabili. Basta posizionare un paio di fette di limone in un angolo del bagno et voilà! Tutto il bagno avrá un buon odore di limone che neutralizzerá il maleodore proveniente dagli scarichi. Ricordatevi che questo trucchetto é anche ideale per profumare il frigorifero!

Alcol

Salvatevi dal mal di testa post sbornia usando la vodka per pulire il bagno! Mescolate tre parti di acqua con una di vodka, aggiungete due gocce di oli essenziali e mettete il tutto in uno spray. Potete usare la miscela in tutti gli angoli del bagno, disinfettando le superfici ed evitando il formarsi di muffa e cattivi odori.

Fai saltare in aria la puzza con le bombe da bagno

No, non si tratta di quelle pastiglie effervescenti che si possono usare durante un bagno rilassante per colorare l’acqua e profumare la pelle: si tratta di vere e proprie capsule fai-da-te che vi aiuteranno a liberarvi per sempre dai cattivi odori.

La causa degli odori sgradevoli è lo sporco, e queste “mini bombe” sono appunto ideali per pulire a fondo la tazza del water.

Fonte: https://blog.helpling.it

Dritte e consigli per liberare la casa dalle allergie

Stiamo finalmente uscendo dall’inverno, ma – è proprio il caso di dirlo – non è tutto rose e fiori! Come ogni anno molti di noi si trovano a dover gestire il fastidioso problema delle allergie. Starnuti, naso che prude, gola irritata, occhi lacrimanti e malesseri di ogni genere? Sappiate che il pericolo di asma, congiuntiviti e reazioni cutanee non è solo causa dei pollini che si trovano all’aria aperta: spesso gli agenti allergici si annidano nelle mura domestiche (un solo grammo di polvere contiene fino a 10.000 allergeni provenienti dagli acari!). Come proteggersi quindi?

Attenzione all’umidità e alla polvere

Il livello di umidità deve sempre essere intorno al 50%. Un ambiente troppo umido infatti favorisce la proliferazione di acari, mentre un ambiente troppo secco aiuta la circolazione della polvere: usate sempre l’aspirapolvere o la scopa elettrica, perché le scope normali spostano polvere e sporco senza risolvere il problema.

Mai trascurare la pulizia del frigorifero

Cercate di comprare frutta e verdura più spesso e in minore quantità, così da limitare il rilascio di acqua: comprate solo quello che vi serve, volta per volta. Per limitare l’accumularsi di acqua, potete anche coprire il fondo del cassetto di frutta e verdura con dei fogli di giornale, che assorbiranno l’umidità. Mantenete anche il sistema di drenaggio sempre pulito e asciutto, così da prevenire la formazione di germi e batteri. (Qui tutti i nostri consigli per pulire il frigorifero a fondo).

Fonte: https://blog.helpling.it

Emac for Clean © 2017. Tutti i diritti sono riservati | Powered by WikiWeb Agency